Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

  • +39 0575 998803
  • +39 340 6852149
  • lun-ven 8-13 14-18

GESTIONE DEI RIFIUTI

Trattamento, recupero, intermedizione e smaltimento:

A partire dal 29 aprile 2006, data di entrata in vigore del Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (recante "Norme in materia ambientale") la normativa nazionale sui rifiuti ha subito una profonda trasformazione: il nuovo provvedimento, emanato in attuazione della legge 15 dicembre 2004 n. 308 (recante "Delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale"), ha infatti riformulato l'intera legislazione interna sull'ambiente, e ha sancito l'espressa abrogazione del D.lgs 22/1997. Le nuove regole sulla gestione dei rifiuti sono contenute, in particolare, nella "Parte quarta" del Dlgs 3 aprile 2006, n. 152, composta da 89 articoli (dal 177 al 266) e 9 allegati. La gerarchia di gestione dei rifiuti è disciplinata, in particolare, negli articoli da 179 a 182, dove coerentemente con la linea già definita dal Decreto “Ronchi”, vengono stabilite quali misure prioritarie le azioni volte a prevenire e ridurre la produzione di rifiuti, cui seguono le attività di recupero e, come ultima ipotesi, lo smaltimento.


trattamento

Trattamento e recupero

MIALMA porta a recupero gli acidi esausti provenienti dalla lavorazione dei metalli preziosi. Il processo di trattamento e recupero degli acidi esausti prevede scrupolosi passaggi di depurazione volti alla separazione degli stessi dalle acque e dai metalli disciolti, attraverso l'azione di soluzioni nitriche e di soda caustica trattate tramite appositi agitatori. Dalla filtrazione se ne ricava un concentrato di idrossido di rame che viene conferito ad aziende specializzate nel processo di fusione del rame stesso.

tiracido

Intermediazione e smaltimento

MIALMA svolge l'attività di intermediazione (senza detenzione) di rifiuti pericolosi e non. Più precisamente funge da anello di congiunzione tra il produttore/detentore del rifiuto, l'azienda di trasporto e il destinatario finale (smaltitore/recuperatore) garantendo le migliori condizioni tecnico-economiche attualmente sul mercato. Innegabile il vantaggio per il cliente in quanto permette di avere un unico interlocutore in grado di gestire le più svariate tipologie di rifiuto. MIALMA è inoltre disponibile all'acquisto di rottami elettrici/elettronici garantendone il corretto smaltimento nel pieno rispetto delle normative ambientali vigenti.

Codici CER da noi trattati

03 - Rifiuti della lavorazione del legno e della produzione di pannelli, mobili, polpa, carta e cartone

  • 030105 - Scarti in legno / segatura

06 - Rifiuti dei processi chimici inorganici

  • 060313 - Sali e loro soluzioni contenenti metalli pesanti esenti da cianuri
  • 060405 - Coni vibratura / rifiuti contenenti metalli pesanti
  • 060502 - Fanghi contenenti sostanze pericolose
  • 061302 - Carboni attivi esauriti

08 - Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di rivestimenti, adesivi, sigillanti ed inchiostri per stampa

  • 080111 - Pitture e vernici
  • 080113 - Vernici e materiali similari
  • 080115 - Fanghi di vernici
  • 080117 - Fanghi rimozione vernici
  • 080409 - Adesivi o materiali similari
  • 080312 - Scarti d'inchiostro
  • 080314 - Fanghi d'inchiostro
  • 080413 - Fanghi di adesivi
  • 080415 - Fanghi di adesivi

11 - Rifiuti prodotti dal trattamento chimico superficiale e dal rivestimento di metalli ed altri materiali; idrometallurgia non ferrosa

  • 110108 - Fanghi di fosfatazione
  • 110109 - Fanghi e residui di filtrazione esenti da cianuri
  • 110113 - Rifiuti di sgrassaggio esenti da cianuri
  • 110115 - Eluati e fanghi
  • 110116 - Resine a scambio ionico
  • 110198 - Altri rifiuti contenenti sostanze pericolose
  • 110202 - Rifiuti della lavorazione idrometallurgica dello zinco (compresi jarosite, goethite)
  • 110205 - Rifiuti da processi idrometallurgici del rame, contenenti sostanze pericolose
  • 110207 - Altri rifiuti contenenti sostanze pericolose
  • 110503 - Rifiuti solidi prodotti dal trattamento dei fumi

12 - Rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastica

  • 120114 - Fanghi di lavorazione, contenenti sostanze pericolose
  • 120116 - Residui di materiale di sabbiatura, contenente sostanze pericolose
  • 120118 - Fanghi metallici (fanghi di rettifica, affilatura e lappatura) contenenti oli

14 - Solventi organici, refrigeranti e propellenti di scarto

  • 140605 - Fanghi o rifiuti solidi, contenenti altri solventi

15 - Rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi

  • 150110 - Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze
  • 150202 - Assorbenti, materiali filtranti (inclusi filtri dell'olio non specificati altrimenti), stracci e indumenti protettivi, contaminati da sostanze pericolose

19 - Rifiuti da impianti di tratt. dei rifiuti, trattamento delle acque reflue, nonchè dalla potabilizzazione dell'acqua e dalla sua prep. per uso industriale

  • 190806 - Resine a scambio ionico saturate o esaurite
  • 190807 - Soluzioni e fanghi di rigenerazione degli scambiatori di ioni / rigenerazione resine

Siamo a tua disposizione per ogni informazione e necessità